16 tipi più comuni di hack e prevenzione

Ecco uno sguardo ai tipi più comuni di hack e a come prevenirli. Inoltre, trova le risposte alle domande più frequenti sull'argomento.

Uno dei maggiori problemi in questa era dominata da Internet è la sicurezza e la protezione. Gli hacker sono sempre alla ricerca di exploit e modi per sfruttare le falle nella sicurezza per attaccare. In questo articolo, esamineremo i tipi più comuni di hack e come puoi proteggerti.

Cos'è l'hacking?

L'hacking si riferisce alla pratica di ottenere l'accesso non autorizzato a un computer o una rete al fine di rubare, alterare o distruggere dati o informazioni.

Gli hacker utilizzano varie tecniche e strumenti per ottenere l'accesso a sistemi e reti e ci sono molti diversi tipi di hack che possono utilizzare.

Tipi più comuni di hack e prevenzione

Ecco alcuni dei tipi più comuni di hack:

1. Malware

Malware, abbreviazione di software dannoso, è un termine utilizzato per descrivere qualsiasi software progettato per danneggiare o sfruttare un sistema informatico. Esistono molti tipi diversi di malware, inclusi virus, ransomware, spyware e adware. Il malware viene spesso diffuso tramite allegati di posta elettronica o collegamenti a siti Web dannosi.

Una volta che un computer è stato infettato da malware, può essere utilizzato per eseguire un'ampia gamma di attività dannose. Ad esempio, il malware può essere utilizzato per rubare informazioni sensibili, come credenziali di accesso o informazioni finanziarie, o per lanciare attacchi su altri sistemi informatici. Il malware può anche essere utilizzato per disabilitare o interrompere il normale funzionamento di un computer o per estorcere denaro alla vittima crittografando i suoi file e chiedendo il pagamento in cambio della chiave di decrittazione.

Per proteggersi dal malware, è importante utilizzare un software di sicurezza aggiornato regolarmente per proteggersi dalle minacce più recenti. Inoltre, gli utenti dovrebbero prestare attenzione quando aprono allegati di posta elettronica o fanno clic su collegamenti da fonti sconosciute e dovrebbero evitare di scaricare software da siti Web non attendibili. Seguendo questi semplici passaggi, individui e organizzazioni possono ridurre notevolmente il rischio di cadere vittime di un attacco malware.

2. Phishing

Un hack di phishing è un tipo di attacco informatico in cui l'attaccante tenta di indurre la vittima a fornire informazioni sensibili, come credenziali di accesso o informazioni finanziarie, fingendosi un'entità affidabile. Questo viene in genere fatto tramite e-mail, social media o altre piattaforme online.

L'aggressore può utilizzare un sito Web o un indirizzo e-mail falso che sembra legittimo per ingannare la vittima. Una volta che la vittima ha inserito le proprie informazioni sensibili, l'attaccante può quindi utilizzarle per i propri scopi dannosi, come il furto di identità o la frode finanziaria.

I modi migliori per proteggersi dal phishing devono sempre effettuare un controllo incrociato e assicurarsi di navigare in un sito Web autentico, evitare di aprire e-mail indesiderate e utilizzare l'autenticazione a due fattori. E non dimenticare mai di controllare l'e-mail del mittente per assicurarti che sia ufficiale.

3. Iniezione SQL

L'iniezione SQL è un tipo di attacco informatico in cui un utente malintenzionato inserisce codice dannoso nel database di un sito Web, consentendo loro di accedere, modificare o eliminare informazioni sensibili. Questo viene in genere fatto aggiungendo codice dannoso nei campi di input dell'utente, come un modulo di accesso, al fine di indurre il sito Web a eseguire il codice come se fosse legittimo.

Per proteggersi dagli attacchi SQL injection, è importante convalidare e disinfettare correttamente tutti gli input dell'utente prima di passarli al database. Questa operazione può essere eseguita utilizzando istruzioni preparate o query con parametri, che assicurano che l'input venga trattato come dati anziché come codice. È inoltre importante utilizzare password forti e univoche per il database e aggiornare regolarmente il software del sito Web e le patch di sicurezza.

4. Uomo nel mezzo (MITM)

Un hack man-in-the-middle (MITM) è un tipo di attacco informatico in cui l'aggressore intercetta e altera le comunicazioni tra due parti. Ciò viene in genere eseguito posizionando il dispositivo dell'aggressore tra le due parti e reindirizzando le loro comunicazioni attraverso il dispositivo dell'aggressore. Ciò consente all'attaccante di vedere e potenzialmente modificare le comunicazioni tra le due parti a sua insaputa.

Gli attacchi MITM possono essere difficili da rilevare, poiché le parti coinvolte nella comunicazione potrebbero non rendersi conto che i loro messaggi vengono intercettati e modificati.

Per proteggere dagli attacchi MITM, è importante utilizzare la crittografia e protocolli di comunicazione sicuri quando possibile.

Ciò rende molto più difficile per un utente malintenzionato intercettare e alterare la comunicazione senza essere rilevato. È inoltre importante essere cauti quando si utilizzano reti Wi-Fi pubbliche ed evitare di accedere a informazioni sensibili tramite connessioni non protette.

5. Negazione del servizio (DoS)

Un attacco Denial of Service (DoS) è un tipo di attacco informatico in cui l'aggressore tenta di rendere un sito Web o una risorsa di rete non disponibile per gli utenti.

Questo in genere viene fatto sovraccaricando il sito Web o la rete con il traffico, impedendo efficacemente agli utenti legittimi di accedere alla risorsa. Gli attacchi DoS possono essere molto dirompenti e possono causare danni finanziari significativi alle organizzazioni interessate.

Per proteggere dagli attacchi DoS, è importante disporre di solide misure di sicurezza della rete, come firewall e sistemi di rilevamento delle intrusioni. Questi possono aiutare a identificare e bloccare il traffico sospetto prima che possa sopraffare il sito Web o la rete.

È anche importante disporre di una larghezza di banda e di un'infrastruttura adeguate per gestire grandi quantità di traffico, in quanto ciò può aiutare a prevenire il sovraccarico del sito Web o della rete. L'aggiornamento regolare del software e delle patch di sicurezza può anche aiutare a proteggere dagli attacchi DoS, in quanto questi possono spesso sfruttare le vulnerabilità nel software obsoleto.

6. Denial of Service distribuito (DDoS)

Un attacco Denial of Service distribuito è simile a un attacco DoS, ma comporta l'utilizzo di più computer o dispositivi per generare il traffico.

L'aggressore utilizza più dispositivi, spesso distribuiti in posizioni diverse, per attaccare contemporaneamente un sito Web o una risorsa di rete.

Ciò consente all'attaccante di generare una quantità di traffico molto maggiore di quanto sarebbe possibile con un singolo dispositivo, rendendo più difficile per il sito Web o la rete difendersi dall'attacco. Gli attacchi DDoS possono essere molto dirompenti e possono causare danni finanziari significativi alle organizzazioni interessate.

Per proteggere dagli attacchi DDoS, dovresti disporre di buone misure di sicurezza della rete, come firewall e sistemi di rilevamento delle intrusioni. Questi possono aiutare a identificare e bloccare il traffico sospetto prima che possa sopraffare il sito Web o la rete.

È anche importante disporre di una larghezza di banda e di un'infrastruttura adeguate per gestire grandi quantità di traffico, in quanto ciò può aiutare a prevenire il sovraccarico del sito Web o della rete.

Inoltre, l'utilizzo di un servizio di protezione DDoS può aiutare ad assorbire e deviare il traffico in entrata, rendendo molto più difficile il successo dell'attaccante. Un buon esempio è Cloudflare.

7. Violazione della password

Il cracking delle password è una tecnica utilizzata dagli aggressori per ottenere l'accesso non autorizzato a un sistema informatico o a un account online. Questo viene in genere fatto utilizzando un software specializzato per indovinare o "crackare" la password, provando un elenco predeterminato di password comuni o utilizzando metodi più avanzati, come attacchi di dizionario o attacchi di forza bruta.

Per proteggersi dal cracking della password, è importante utilizzare password complesse e univoche per ciascuno dei tuoi account. Ciò significa utilizzare un mix di lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali ed evitare di utilizzare parole o frasi comuni.

È anche una buona idea utilizzare un gestore di password per aiutarti a generare e archiviare password complesse e univoche. Inoltre, la modifica regolare delle password può aiutare a proteggere ulteriormente i tuoi account, poiché ciò rende più difficile per gli aggressori decifrare la tua password utilizzando elenchi predeterminati o altri metodi.

8. Exploit zero-day

Un exploit zero-day è un tipo di attacco informatico che sfrutta una vulnerabilità precedentemente sconosciuta in un sistema informatico o in un'applicazione software. Ciò significa che la vulnerabilità non è stata divulgata pubblicamente o corretta e il sistema o l'applicazione è quindi vulnerabile agli attacchi. Gli exploit zero-day possono essere particolarmente pericolosi, in quanto possono essere difficili da rilevare e possono consentire all'attaccante di ottenere l'accesso al sistema o all'applicazione all'insaputa dell'utente.

Per proteggere dagli exploit zero-day, è importante mantenere tutti i software e i sistemi aggiornati con le ultime patch di sicurezza.

Questo può aiutare a chiudere eventuali vulnerabilità note e rendere più difficile per gli aggressori sfruttarle. È inoltre importante utilizzare software di sicurezza, come antivirus e sistemi di rilevamento delle intrusioni, per identificare e bloccare potenziali exploit zero-day.

Inoltre, eseguire regolarmente il backup dei dati può aiutare a ridurre al minimo l'impatto di un exploit zero-day riuscito, in quanto sarà possibile ripristinare i dati dal backup, se necessario.

9. Esca e cambia

L'esca e il cambio è una tattica di truffa comune in cui l'attaccante attira la vittima in una situazione con la promessa di qualcosa di attraente, ma poi cambia i termini dell'accordo all'ultimo minuto a svantaggio della vittima. Questo può essere fatto in vari modi, ma il filo conduttore è che la vittima viene indotta a credere che sta ottenendo una cosa, quando in realtà sta ottenendo qualcos'altro completamente.

Un esempio di truffa bait and switch è un falso annuncio di lavoro. L'attaccante può pubblicizzare un lavoro ben pagato con ottimi benefici, ma quando la vittima si presenta per il colloquio, gli viene detto che il lavoro è in realtà basato su commissione e che i benefici non sono buoni come pubblicizzati. Un altro esempio è una falsa vendita online, in cui l'aggressore pubblicizza un prodotto a un prezzo fortemente scontato, ma quando la vittima tenta di acquistare il prodotto, gli viene detto che è esaurito e gli viene invece offerto un prodotto più costoso.

Per proteggere da esche e switch truffe, è importante fare attenzione alle offerte che sembrano troppo belle per essere vere. Fai sempre le tue ricerche e verifica la legittimità dell'offerta prima di fornire informazioni personali o inviare denaro.

È anche una buona idea diffidare delle offerte non richieste, in particolare quelle che arrivano tramite e-mail o social media, poiché vengono spesso utilizzate dagli aggressori per prendere di mira le vittime. Se sospetti di essere caduto in una truffa esca e cambia, contatta le autorità competenti e adotta misure per proteggere le tue informazioni personali.

Il furto di cookie, noto anche come dirottamento di sessione, è un tipo di attacco informatico in cui l'attaccante ruba il cookie della sessione di accesso della vittima e lo utilizza per ottenere l'accesso non autorizzato agli account online della vittima. I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono inviate da un sito Web al browser Web dell'utente e memorizzate sul computer dell'utente. Sono spesso utilizzati per memorizzare le informazioni di accesso, in modo che l'utente non debba inserire il proprio nome utente e password ogni volta che visita il sito web.

Per rubare un cookie, l'aggressore deve prima trovare un modo per accedere al computer della vittima, ad esempio inviando alla vittima un allegato e-mail dannoso o sfruttando una vulnerabilità nel browser Web della vittima. Una volta che l'attaccante ha accesso al computer della vittima, può cercare il cookie della sessione di accesso e copiarne il valore. Possono quindi utilizzare questo valore per impersonare la vittima e ottenere l'accesso ai suoi account.

Per proteggere dal furto di cookie, è importante utilizzare password complesse e univoche per ciascuno dei tuoi account online ed evitare di utilizzare la stessa password su più account. Inoltre, è necessario aggiornare regolarmente il browser Web e altri software, in quanto ciò può aiutare a proteggere dalle vulnerabilità che gli aggressori potrebbero tentare di sfruttare. Infine, dovresti essere cauto nell'accedere ai tuoi account online su reti Wi-Fi pubbliche, poiché queste possono essere facilmente monitorate dagli aggressori.

11. Clickjacking

Il clickjacking è un tipo di attacco informatico in cui l'aggressore induce la vittima a fare clic su un pulsante o un collegamento che ha una funzione diversa da quella che la vittima si aspetta. Questo viene in genere fatto utilizzando immagini trasparenti o sovrapposte per mascherare la vera destinazione del pulsante o del collegamento.

Ad esempio, l'attaccante può posizionare un'immagine trasparente di un pulsante "riproduci" su un collegamento a un sito Web dannoso, inducendo la vittima a pensare che stia facendo clic su un lettore video quando in realtà sta visitando il sito Web dannoso.

Per proteggersi dal clickjacking, è importante prestare attenzione quando si fa clic su pulsanti o collegamenti, in particolare quelli che provengono da fonti sconosciute o non affidabili. Dovresti anche evitare di fare clic su collegamenti o pulsanti che appaiono fuori posto o che non sembrano corrispondere al contenuto della pagina.

Inoltre, puoi utilizzare plug-in o estensioni del browser Web che possono aiutare a identificare e bloccare potenziali tentativi di clickjacking. Infine, dovresti aggiornare regolarmente il tuo browser Web e altri software per assicurarti di disporre delle patch di sicurezza e delle protezioni più recenti contro il clickjacking e altri attacchi informatici.

12. Registratore di tasti

Un keylogger è un tipo di software o hardware che registra i tasti che vengono premuti su una tastiera. Queste informazioni possono quindi essere utilizzate da un utente malintenzionato per apprendere le credenziali di accesso, le password e altre informazioni riservate di una persona. I keylogger possono essere installati sul computer di una persona a sua insaputa, spesso attraverso l'uso di malware o altri software dannosi.

Per proteggersi dagli attacchi di keylogger, è importante utilizzare password complesse e univoche per ciascuno dei tuoi account online ed evitare di utilizzare la stessa password su più account.

Inoltre, dovresti aggiornare regolarmente il tuo software antivirus ed eseguire scansioni per identificare e rimuovere qualsiasi malware o altro software dannoso che potrebbe essere installato sul tuo computer. Puoi anche utilizzare una tastiera virtuale per inserire le tue password, in quanto ciò può rendere più difficile per un keylogger catturare le tue sequenze di tasti.

Infine, dovresti essere cauto quando scarichi e installi software da fonti sconosciute o inaffidabili, poiché spesso questo può essere un modo per gli aggressori di installare keylogger sul tuo computer.

13. Attacco backdoor

Una backdoor è un punto di ingresso nascosto in un sistema informatico o in un'applicazione software creata intenzionalmente dallo sviluppatore. Questo punto di ingresso può essere utilizzato per ottenere l'accesso al sistema o all'applicazione senza passare attraverso i consueti processi di autenticazione.

Le backdoor vengono spesso utilizzate dagli sviluppatori per fornire a se stessi un modo per accedere al sistema o all'applicazione in caso di emergenza, ma possono anche essere sfruttate dagli aggressori per ottenere un accesso non autorizzato.

Per proteggersi dagli attacchi backdoor, è importante aggiornare regolarmente il software e il sistema operativo per assicurarsi che tutte le backdoor conosciute siano chiuse. È inoltre necessario utilizzare software di sicurezza, come antivirus e sistemi di rilevamento delle intrusioni, per identificare e bloccare qualsiasi tentativo di accesso al sistema o all'applicazione attraverso una backdoor.

Inoltre, dovresti essere cauto quando scarichi e installi software da fonti sconosciute o inaffidabili, poiché spesso questo può essere un modo per gli aggressori di installare backdoor sul tuo sistema. Infine, dovresti evitare di utilizzare software o applicazioni che hanno backdoor note o sospette, in quanto ciò può rendere il tuo sistema o i tuoi dati vulnerabili agli attacchi.

14. Attacco di forza bruta

Un attacco di forza bruta è un tipo di attacco informatico in cui l'aggressore cerca di indovinare una password o altre credenziali di accesso provando sistematicamente ogni possibile combinazione di caratteri. Questo viene in genere fatto utilizzando un software specializzato in grado di generare e provare automaticamente un gran numero di combinazioni in un breve lasso di tempo. Gli attacchi di forza bruta possono essere efficaci, ma possono anche richiedere molto tempo e possono essere rilevati dai sistemi di sicurezza.

Per proteggere dagli attacchi di forza bruta, è importante utilizzare password complesse e univoche per ciascuno dei tuoi account online. Ciò significa utilizzare un mix di lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali ed evitare di utilizzare parole o frasi comuni.

È anche una buona idea utilizzare un gestore di password per aiutarti a generare e archiviare password complesse e univoche. Inoltre, la modifica regolare delle password può aiutare a proteggere ulteriormente i tuoi account, poiché ciò rende più difficile per gli aggressori decifrare la tua password utilizzando metodi di forza bruta.

Infine, dovresti essere cauto nell'inserire le tue credenziali di accesso su siti Web sconosciuti o non affidabili, poiché è più probabile che questi vengano presi di mira da attacchi di forza bruta.

15. Spoofing DNS

Lo spoofing DNS, noto anche come avvelenamento della cache DNS, è un tipo di attacco informatico in cui l'attaccante inganna un server DNS (Domain Name System) per indirizzare gli utenti a un sito Web dannoso anziché al sito Web previsto. Ciò viene in genere eseguito inviando al server DNS falsi record DNS che associano il sito Web dannoso al nome di dominio del sito Web desiderato. Quando un utente tenta di visitare il sito Web previsto, il server DNS lo invia invece al sito Web dannoso, consentendo all'attaccante di rubare potenzialmente informazioni sensibili o infettare il dispositivo dell'utente con malware.

Per proteggere dagli attacchi di spoofing DNS, è importante utilizzare server DNS sicuri meno soggetti a tentativi di spoofing. Puoi anche utilizzare i servizi di filtro DNS, che possono aiutare a identificare e bloccare i siti Web dannosi confrontando i loro record DNS con siti Web sicuri noti.

Inoltre, dovresti aggiornare regolarmente il tuo sistema operativo e altro software per assicurarti di disporre delle patch di sicurezza e delle protezioni più recenti contro lo spoofing DNS e altri attacchi informatici. Infine, dovresti essere cauto nell'inserire informazioni sensibili, come credenziali di accesso o informazioni finanziarie, su siti Web sconosciuti o non affidabili, poiché è più probabile che questi vengano presi di mira da attacchi di spoofing DNS.

16. Malvertising

Il malvertising è un tipo di attacco informatico in cui l'attaccante utilizza reti pubblicitarie per fornire annunci pubblicitari dannosi agli utenti. Questi annunci possono contenere codice nascosto che, quando si fa clic o si interagisce, può scaricare malware sul dispositivo dell'utente o reindirizzarlo a un sito Web dannoso. Il malvertising può essere difficile da rilevare, poiché gli annunci spesso sembrano legittimi e vengono forniti tramite reti pubblicitarie affidabili.

Per proteggersi dagli attacchi di malvertising, è importante utilizzare reti pubblicitarie rispettabili e affidabili, poiché è meno probabile che vengano utilizzate per pubblicare annunci pubblicitari dannosi. Dovresti anche aggiornare regolarmente il tuo browser Web e altri software per assicurarti di disporre delle patch di sicurezza e delle protezioni più recenti contro il malvertising e altri attacchi informatici.

Inoltre, dovresti essere cauto nel fare clic sugli annunci pubblicitari, in particolare quelli che provengono da fonti sconosciute o inaffidabili, poiché è più probabile che contengano codice dannoso. Infine, dovresti utilizzare software di sicurezza, come antivirus e sistemi di rilevamento delle intrusioni, per identificare e bloccare potenziali tentativi di malvertising.

Conclusione

Nel complesso, questi sono alcuni dei tipi più comuni di hack utilizzati dagli aggressori per ottenere l'accesso a sistemi e reti. È importante che individui e organizzazioni siano consapevoli di questi tipi di attacchi e adottino misure per proteggersi da essi.

Domande frequenti (FAQ)

Quali sono i diversi tipi di hacker?

Esistono diversi tipi di hacker, ciascuno con le proprie motivazioni e metodi. Alcuni tipi comuni di hacker includono:

1. Hacker dal cappello bianco, che sono hacker etici che usano le loro capacità per identificare e aiutare a correggere le vulnerabilità nei sistemi informatici.

2. Hacker dal cappello nero, che sono criminali che usano le loro capacità di hacking per guadagno personale o per causare danni.

3. Hacker col cappello grigio, che sono una via di mezzo tra gli hacker white e black hat, e possono usare le loro abilità sia per scopi buoni che cattivi.

4. Ragazzi della sceneggiatura, che sono hacker inesperti che utilizzano strumenti e script preesistenti per eseguire attacchi, spesso senza capirne il funzionamento.

5. Hacker di stato-nazione, che sono sponsorizzati dai governi per svolgere operazioni di spionaggio informatico o di guerra informatica.

Sebbene tutti gli hacker utilizzino tecniche simili, le loro motivazioni e i loro obiettivi possono essere molto diversi. Alcuni hacker possono essere motivati ​​dal denaro, mentre altri possono essere motivati ​​da convinzioni politiche o ideologiche. Altri ancora possono essere motivati ​​dalla sfida di irrompere in un sistema o dalla notorietà che deriva dall'essere un hacker di successo.

Quali tipi di hacking sono legali?

L'hacking etico, noto anche come hacking del cappello bianco, viene eseguito legalmente.

Al di fuori dell'hacking etico, in generale, l'hacking è illegale. L'hacking è l'accesso non autorizzato o il controllo di un computer o di una rete. È un reato penale che può comportare sanzioni severe, come multe e reclusione.

Editorial Staff

Staff editoriale

Il team editoriale è composto da esperti che contribuiscono con la loro esperienza per responsabilizzare i lettori di TargetTrend. Segui su Twitter tramite @TargetTrend

Articoli: 17

Ricevi materiale tecnico

Tendenze tecnologiche, tendenze di avvio, recensioni, entrate online, strumenti web e marketing una o due volte al mese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *