Telegram Vs WhatsApp: quale è meglio?

Ti stai chiedendo quale app scegliere tra Telegram e WhatsApp? Dai un'occhiata a questo confronto dettagliato delle funzionalità per aiutarti a prendere una decisione migliore.

WhatsApp ha perso molti dei suoi utenti quest'anno e hanno se stessi da incolpare. Sebbene inizialmente potevi disattivare la condivisione dei dati della società di chat, l'hanno resa obbligatoria in un aggiornamento dell'Informativa sulla privacy di gennaio 2021, spingendo gli utenti a fuggire.

Telegram è una di quelle app di chat che hanno apprezzato la migrazione degli utenti di WhatsApp. La società ha assistito a un'impennata nei download delle sue app nel gennaio 2021. E alla fine ha superato la soglia di 1 miliardo di download nell'agosto 2021.

Queste due piattaforme offrono funzionalità simili, sebbene lo facciano in modi leggermente diversi. Scoprire quale è il migliore per te, quindi, richiederà di confrontare le loro numerose caratteristiche. Questo post fa questi confronti tra WhatsApp e Telegram di seguito.

Confronto delle funzionalità di Telegram e WhatsApp

TelegramWhatsApp
Base di utenti:Oltre 500 milioni di utenti mensili~2 miliardi di utenti mensili
Versione iniziale:agosto 2013Gennaio 2009
fondatori:Nikolaj & Pavel DurovBrian Acton e Jan Koum
Proprietario:Pavel e Nikolai DurovFacebook
Codice sorgente:Open sourceProprietary
Piattaforme supportate:Mac, Linux, Mobile, Web eccMobile
Condivisione di file:2 GB max.100 MB max.
Chiamate vocali/video:30 utenti, 1,000 osservatori8 utenti
Chat vocali:Non
Dimensione del gruppo:200,000256
canali:Non
crittografia:Da un capo all'altroDa client a server
Sicurezza:MeglioVa bene
Messaggi che scompaiono:
Notifica di consegna:
Sito web: telegram.orgwhatsapp.com

1. Base utenti

Sebbene al momento non ci siano cifre esatte da entrambe le società, WhatsApp sembra rimanere la piattaforma più popolare. Aveva circa 2 miliardi di utenti mensili a febbraio 2020, contro gli oltre 500 milioni di utenti attivi mensili di Telegram, a gennaio 2021.

Con l'aggiornamento dell'Informativa sulla privacy di WhatsApp del gennaio 2021, che ha cercato di costringere gli utenti ad accettare le politiche di condivisione dei dati dell'azienda, gli utenti hanno lasciato la piattaforma in massa, con molti che sono passati a Telegram.

Difficile, tuttavia, conoscere le esatte variazioni della base utenti sulle due piattaforme. Ma l'inversione a U di WhatsApp sulle politiche proposte e l'aggiunta di nuove funzionalità mostra che c'è stato un calo significativo della sua base di utenti da gennaio 2021.

2. Versione iniziale

WhatsApp ha preso vita nel gennaio 2009 ed è stato chiamato dal co-fondatore Jan Koum per suonare come "Che succede?". L'idea originale era quella di avere un'app per telefoni cellulari, che mostrasse lo stato dei contatti di un utente del telefono. E con l'introduzione delle notifiche push da parte di Apple nel giugno 2009, WhatsApp 2.0 è stato dotato di funzionalità di chat e notifiche che hanno dato all'app il suo primo impulso commerciale.

Telegram è arrivato quattro anni dopo, nell'agosto 2013. I fondatori dell'app avevano una storia di molestie da parte del governo nella madre Russia. Quindi hanno iniziato a creare un'app di messaggistica globale che fornisse all'utente opzioni sulla privacy e altre utili funzionalità.

3. Fondatori

Telegram è stata fondata dai fratelli russi Nikolai e Pavel Durov, mentre WhatsApp è stata fondata da Brian Acton, un americano, e Jan Koum, un ucraino americano nato a Kiev.

4. Proprietari

WhatsApp è attualmente di proprietà di Facebook, Inc. dopo l'acquisizione del febbraio 2014 per 19 miliardi di dollari. Il co-fondatore Brian Acton ha lasciato WhatsApp tre anni dopo, a settembre 2017, per fondare la Signal Foundation e l'app di messaggistica Signal. Anche il suo co-fondatore Jan Koum ha lasciato WhatsApp e il consiglio di Facebook nell'aprile 2018.

Secondo quanto riferito, entrambi gli uomini se ne sono andati a causa di controversie con la gestione di Facebook. Il gigante dei social network è famoso per la vendita dei dati degli utenti o per averli resi disponibili alle aziende a scopo di lucro. Quindi, i Netizens attenti alla privacy non trovano Facebook interessante per questo motivo.

Telegram rimane sotto il controllo dei suoi due co-fondatori e fratelli Pavel Durov, il CEO e Nikolai Durov. Entrambi gli uomini avevano gestito un sito di social network chiamato VK. Ed è stato presumibilmente rilevato da attori sostenuti dallo stato della Federazione Russa.

Nikolai ha creato il protocollo sicuro che Telegram utilizza oggi, mentre Pavel ha fornito finanziamenti per avviare le operazioni. Telegram ha attualmente sede a Londra, con un centro operativo a Dubai.

5. Codice sorgente

Il codice sorgente di WhatsApp è proprietario, mentre il codice sorgente di Telegram è open-source. Gli sviluppatori di software sceglieranno Telegram perché offre sia un'API Bot per creare messaggi Telegram automatizzati, sia l'API Telegram e TDLib per creare client Telegram personalizzati. Puoi costruirli interamente da zero o con librerie di terze parti.

Potresti vedere alcuni software relativi a WhatsApp, ma di solito sono sottoposti a reverse engineering e quindi violano i diritti d'autore dell'organizzazione. Sono spesso utilizzati anche per distribuire malware a utenti ignari.

6. Piattaforme supportate

Anche in questo caso, Telegram batte WhatsApp. Oltre ad essere disponibile sul Web, puoi anche utilizzare Telegram su tutte le piattaforme popolari da Android a iOS, macOS, Windows e persino Linux. Inoltre, i tuoi dati si sincronizzano automaticamente tra le piattaforme perché sono archiviati nel cloud.

Con WhatsApp, è una storia diversa. Sebbene esistano versioni Web e desktop, non è possibile eseguire queste altre versioni senza avere l'app per smartphone attiva e connessa. WhatsApp memorizza i tuoi dati sul tuo dispositivo mobile.

7. Condivisione di file

Puoi inviare documenti fino a 100 MB su WhatsApp. Telegram, invece, ti consente di inviare file illimitati fino a 2 GB ciascuno. E poiché Telegram utilizza il cloud storage, per funzionare ha bisogno di meno di 100 MB di spazio di archiviazione sul tuo dispositivo mobile.

8. Chiamate vocali/video

Entrambe le piattaforme offrono chiamate vocali e video, tutte crittografate. Tuttavia, WhatsApp è stato un ulteriore passo avanti con le videochiamate di gruppo, poiché consente a un massimo di 8 utenti di partecipare alla volta.

Ma Telegram ha raggiunto e persino superato WhatsApp con le videochiamate di gruppo. Una videochiamata di Telegram ora consente a un massimo di 30 utenti di trasmettere i propri video contemporaneamente a un numero illimitato di spettatori. Questa funzione è disponibile sia per i gruppi che per i canali e può essere un ottimo strumento per i promotori di attività creative.

Inoltre, puoi accelerare o rallentare i video di Telegram a velocità 0.5x e 2.0x. Inoltre, ci sono la condivisione dello schermo con audio, risoluzioni più elevate, video espansi e timestamp, così gli utenti possono saltare a un secondo esatto nel video.

9. Chat vocali

Telegram offre chat vocali nei suoi gruppi, che WhatsApp non offre ancora. Con le chat vocali di Telegram, l'amministratore del gruppo deve prima attivarlo per trasformare il gruppo in una chat room vocale mentre accedi a Clubhouse.

Ci sono molti usi per una tale funzione. I gruppi potrebbero usarlo per una lounge o altri scopi sociali. Mentre i team di lavoro potrebbero trovare usi più commerciali come spazi per uffici virtuali, riunioni e così via.

10. Dimensione del gruppo

I gruppi WhatsApp sono limitati a un massimo di 256 utenti. Questo li rende ideali per gruppi o organizzazioni di piccole e medie dimensioni. Ma quando superi quella soglia, dovresti considerare Telegram con il suo limite di gruppo di 200,000 utenti. E inoltre, Telegram ha canali, che mancano a WhatsApp.

11. Canali

Un canale Telegram è come un gruppo che è stato reso pubblico. I contenuti, le discussioni, le immagini e tutto il resto sono pubblici. I canali sono progettati per trasmettere informazioni al pubblico. E possono avere abbonati illimitati.

Solo l'amministratore di un canale Telegram può postare su di esso e questi sono contrassegnati dal nome del canale e non da quello dell'utente. Tale funzionalità lo rende utile per le organizzazioni dei media, le celebrità e altri editori che hanno bisogno di rimanere in contatto con fan e lettori.

Puoi anche condividere un'ampia gamma di contenuti multimediali sui canali, non solo testo. Ti consente di condividere foto, album, video a riproduzione automatica e podcast. Ti consente anche di condurre sondaggi, avviare un gruppo di discussione, pianificare messaggi e molto altro ancora.

12. Crittografia

WhatsApp utilizza la crittografia end-to-end per proteggere le chat e le chiamate tra due utenti. End-to-end significa che la crittografia delle informazioni avviene tra i dispositivi dei due utenti, indipendentemente dai server web. Ciò significa che nemmeno WhatsApp ha accesso alle informazioni.

Mentre WhatsApp utilizza il protocollo di crittografia Signal, Telegram utilizza il protocollo MTProto, sviluppato dal suo co-fondatore Nikolai Durov. Entrambi i protocolli hanno i loro punti di forza e di debolezza, ma ciò che conta è che entrambe le loro comunicazioni siano crittografate.

13. Sicurezza

Quando si tratta di sicurezza generale, l'architettura basata su cloud di Telegram pone un problema. Per offrire limiti di dati più elevati e spazio di archiviazione illimitato, tutte le comunicazioni di un utente Telegram vengono archiviate nel cloud. Pertanto, quando condivide informazioni con un amico o un familiare, quell'utente deve anche connettersi in modo sicuro a Telegram per recuperare i dati archiviati nel cloud.

È proprio qui che entra in gioco la scappatoia perché nessuno può garantirti che Telegram o un hacker di terze parti non incasinino i tuoi dati. Ci sono molti vantaggi nell'archiviazione su cloud, ma la sicurezza garantita per i tuoi dati non è uno di questi.

Quindi, se la sicurezza dei dati è importante per te, puoi utilizzare la funzione di chat segreta di Telegram, poiché utilizza la crittografia end-to-end tra i due dispositivi e senza nessuno nel mezzo, proprio come fa WhatsApp. Oppure puoi semplicemente passare a Segnale, l'app di messaggistica istantanea con le migliori valutazioni per sicurezza e protezione della privacy.

14. Messaggi di sparizione

WhatsApp ha una modalità messaggio a scomparsa, che elimina tutti i messaggi in una chat dopo sette giorni. Tutto quello che devi fare è abilitarlo toccando il nome del tuo contatto e toccando "messaggi a scomparsa" per abilitarlo o disabilitarlo.

Su Telegram, puoi inviare media che scompaiono che si autodistruggono dopo un determinato periodo. Questo può variare da 1 giorno a 1 settimana o anche un mese. Altrimenti, puoi utilizzare la funzione di chat segreta di Telegram ed eliminare la chat in un secondo momento. Tieni presente, tuttavia, che una chat segreta offre lo stesso livello di sicurezza di una chat WhatsApp standard.

15. Notifica di consegna

Entrambe le piattaforme offrono notifiche a più stadi: 2 su Telegram e 3 su WhatsApp. Su Telegram, 1 segno di spunta significa che il messaggio viene inviato al cloud e il destinatario notificato. Mentre 2 controlli significano che il messaggio è stato visto.

Su WhatsApp, 1 segno di spunta grigio significa inviato, 2 segni di spunta grigi significano consegnato al telefono del destinatario e 2 segni di spunta blu significano messaggio visto dal destinatario. Entrambe le piattaforme offrono anche opzioni per disabilitare le notifiche e per impedire a utenti specifici di inviarti messaggi e ricevere notifiche su di te.

Conclusione

Alla fine di questo sguardo fianco a fianco ai sistemi di messaggistica istantanea di Telegram e WhatsApp, hai visto le loro principali caratteristiche e punti di forza che li rendono popolari.

Dalla consegna dei messaggi alla sicurezza, alle funzionalità di condivisione dei file e alla programmabilità, hai visto abbastanza funzionalità distinte per aiutarti a scegliere tra le due piattaforme, a seconda delle tue esigenze. Quindi, la scelta è tua.

Nnamdi Okeke

Nnamdi Okeke

Nnamdi Okeke è un appassionato di computer che ama leggere una vasta gamma di libri. Ha una preferenza per Linux su Windows/Mac e lo sta usando
Ubuntu sin dai suoi primi giorni. Puoi beccarlo su Twitter tramite bongotrax

Articoli: 278

Ricevi materiale tecnico

Tendenze tecnologiche, tendenze di avvio, recensioni, entrate online, strumenti web e marketing una o due volte al mese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *