Come impostare il precaricamento DNS in WordPress

Il precaricamento DNS può velocizzare il caricamento dei siti WordPress. Per un sito che si basa su risorse esterne come Google Analytics, caratteri Google e altro, può risparmiare fino a 500 ms.

Il prelettura del sistema dei nomi di dominio, comunemente nota come prelettura DNS, è il processo di risoluzione dei nomi di dominio prima che gli utenti ne facciano richiesta. Viene utilizzato principalmente per velocizzare il caricamento dei siti Web e aumentare le prestazioni complessive.

La prefettura DNS in WordPress è un modo popolare per velocizzare il caricamento dei siti Web precaricando le normali risorse richieste come i caratteri Google, Google Analytics, Font Awesome e altro ancora.

In questo post imparerai come aggiungere il precaricamento DNS in WordPress con l'aiuto di un plug-in o manualmente. Questo può aiutare a fare Il sito WordPress si carica velocemente.

Come funziona la precarica DNS?

Prefetch DNS funziona in background. Se stai caricando risorse da molti domini. Questo normalmente influirà sul tempo di caricamento del sito Web perché il browser impiegherà circa 100 ms per eseguire la ricerca DNS.

Ciò significa che se hai fino a 5 domini da cui stai caricando risorse, il browser potrebbe impiegare fino a 500 ms per la ricerca.

Ma ciò che fa il prelettura DNS è che fa caricare il dominio su cui fai affidamento in background prima che un utente faccia clic su un collegamento che lo attiverà.

Ciò significa che quando l'utente fa clic su di esso, le risorse sono pronte e la pagina verrà caricata all'istante.

DNS prefetching browser

Se hai molte risorse esterne su cui fare affidamento, Precarica DNS può migliorare il tempo di caricamento. Per un tipico sito WordPress che utilizza i caratteri Google, Google Analytics e così via, il precaricamento DNS può far risparmiare fino a 500 ms di tempo di caricamento.

Per cosa utilizzare il prelettura DNS

Ci sono molte risorse che puoi precaricare per caricare più velocemente il tuo sito. Loro includono:

  • Font di Google
  • Google Analytics
  • URL CDN
  • Google Tag Manager
  • Font Impressionante
  • Google Map
  • E qualsiasi risorsa esterna

Come impostare il precaricamento DNS in WordPress

Segui questi passaggi per abilitare il precaricamento DNS in WordPress:

1. Installa un plug-in di prelettura DNS

Il modo più semplice per implementare il prelettura DNS in WordPress è utilizzare un plug-in. Ciò eviterà lo stress di dover modificare i file del tema.

Il miglior plugin per gestire questo è Perfmatters. È un plug-in premium con molte fantastiche funzionalità per velocizzare un sito Web WordPress. Un'altra alternativa è WP Rocket.

Per Perfmatters, dovrai farlo scarica il plugin dal loro sito. Installalo e attivalo nella dashboard di WordPress.

Se preferisci non utilizzare un plug-in ma farlo manualmente, passa direttamente al punto 4.

2. Aggiungi domini da precaricare

Dopo aver installato e attivato il plugin Perfmatters. Vai alle impostazioni del plug-in e fai clic sul tocco in più. Lì puoi aggiungere domini da precaricare.

Dovresti aggiungere solo un dominio per riga seguendo lo schema seguente:

//fonts.googleapis.com //www.google-analytics.com //cdnjs.cloudflare.com //www.googletagmanager.com
DNS prefetch perfmatters

Per WP Rocket, vai alla scheda Preload e scorri verso il basso fino a Prefetch DNS Requests. Lì puoi inserire gli URL che desideri precaricare con lo stesso schema di quello sopra.

3. Salva le modifiche.

Assicurati di salvare le modifiche. Questo è tutto.

4. Aggiungi manualmente il precaricamento DNS in WordPress.

Se preferisci aggiungere manualmente il precaricamento DNS in WordPress senza alcun plug-in, dovrai modificare i tuoi temi functions.php.

Basta aggiungere il codice qui sotto al tuo functions.php. Nell'esempio seguente, ho aggiunto Google Analytics, Google Tag Manager e i caratteri Google come guida. Puoi modificarlo e puoi anche aggiungerne altri.

//* DNS Prefetching
function dns_prefetch() {
    echo '<meta http-equiv="x-dns-prefetch-control" content="on">
<link rel="dns-prefetch" href="https://www.google-analytics.com" />
<link rel="dns-prefetch" href="https://www.googletagmanager.com" />
<link rel="dns-prefetch" href="https://fonts.googleapis.com" />
}
add_action('wp_head', 'dns_prefetch', 0);

Basta aggiungere una nuova riga così:

<link rel="dns-prefetch" href="https://DOMAIN.com" />

Conclusione

Il precaricamento DNS può velocizzare il tuo sito Web, in particolare la versione mobile. Dovresti notare una differenza, soprattutto se fai affidamento su molte risorse esterne.

Ricorda che mentre questo può velocizzare il tuo sito, l'hosting WordPress che usi e il tema sono il fattore più importante per la velocità del tuo sito. raccomando CloudWays per l'hosting WordPress e puoi vedere il mio Revisione di Cloudways per ragioni. Se Cloudways è troppo per te, allora Hostinger e Bluehost funzionerà bene per piccoli siti web.

Raccomando anche GeneratePress per tema e puoi vedere il mio Recensione GeneratePress per ragioni

Mfon Abel Ekene

Mfon Abel Ekene

Mi piace creare contenuti utili. La mia passione è aiutare la popolazione di Internet a trovare ciò di cui ha bisogno, indirizzandola nella giusta direzione. È quello che amo fare e ho dedicato molte ore di ricerca e test per assicurarmi di farlo attraverso i miei contenuti su TargetTrend.

Articoli: 48

Ricevi materiale tecnico

Tendenze tecnologiche, tendenze di avvio, recensioni, entrate online, strumenti web e marketing una o due volte al mese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *