Craig Steven Wright è Satoshi Nakamoto, fondatore di Bitcoin, ma non solo

Craig Steven Wright è Satoshi Nakamoto. Ma questa è solo metà della storia. Ecco il succo completo.

Craig Steven Wright ha affermato di essere Satoshi Nakamoto, il fondatore di Bitcoin e potrebbe non mentire. L'informatico australiano sta probabilmente dicendo la verità. Semplicemente non sta dicendo tutta la verità.

Satoshi Nakamoto è molto probabilmente uno pseudonimo per un gruppo e non per un singolo individuo. Perché la creazione della criptovaluta Bitcoin ha richiesto un livello d'élite di crittografia e competenza informatica che non incontri tutti i giorni.

Craig David Wright era probabilmente legato a quel gruppo. Ma molti esperti ritengono che manchi della competenza mentale per essere il vero Satoshi Nakamoto.

Questo post esamina i dati disponibili e si concede una sana dose di speculazione sugli albori di Bitcoin.

La leggenda di Satoshi Nakamoto

Per gli utenti di Bitcoin e gli appassionati di computer di tutto il mondo, il nome Satoshi Nakamoto è leggendario quanto lo è. Pieno di brillantezza, mistero, influenza, astuzia e segretezza.

Quindi, quando il dottor Craig Steven Wright ha affermato di essere Satoshi Nakamoto nel 2015, gli esperti di criptovaluta lo hanno definito un truffatore. Perché sembrava non possedere quelle qualità originarie attribuite alla leggenda.

Bitcoin è stata un'impresa coraggiosa, anche considerando i suoi legami con la malavita di Internet. Un modo intelligente per spostare finalmente i dollari senza il consenso o la conoscenza di Grande Fratello.

Rilasciare Bitcoin significava sfidare i poteri esistenti. Fermare il furto di fondi pubblici attraverso l'inflazione del denaro fiat. Il lancio di Bitcoin è stato un attacco al capitalismo occidentale e alle banche centrali inflazionistiche.

La criptovaluta è progettata contro l'inflazione e questo la rende attraente come riserva di valore. Ma la sua caratteristica più grande rimane l'ingegno investito nel suo sviluppo. Ed è questa ingegnosità che costituisce la base dell'eredità di Satoshi Nakamoto.

Il caso di Craig Wright

Tutto è iniziato nel 2015 quando Wired e Gizmodo hanno ricevuto documenti che suggerivano che un imprenditore australiano potesse essere Satoshi Nakamoto. Hanno studiato i rapporti e pubblicato i loro risultati qui e qui, creando molto scetticismo all'epoca.

Poi Lo stesso Craig Wright si è fatto avanti per proclamare anche di essere il potente Satoshi. E nel tempo, sono emersi molti sviluppi a sostegno della sua affermazione. Questi sviluppi includono testimonianze di altri sviluppatori e un caso giudiziario.

Eccoli:

  • Gavin Andresen - Era l'ex capo scienziato dell'organizzazione Bitcoin, l'uomo a cui Satoshi ha consegnato tutto. Ha comunicato di più con lui in passato e dovrebbe riconoscere Satoshi meglio di altri.

    He pubblicato a maggio 2016 che credeva che Craig Wright fosse Satoshi Nakamoto dopo aver firmato in privato un messaggio per lui. Anche lui è stato catturato video che conferma Craig come Satoshi. Questo ha trasformato il resto della community contro di lui, revocando il suo accesso al commit Bitcoin Core su GitHub. Ha anche fatto un altro post a novembre 2016 dove si è pentito di essere mai stato coinvolto in tutto il pasticcio.

  • Jon Matonis – È un sostenitore della valuta digitale e di Bitcoin, che era stato in contatto con Satoshi Nakamoto nei primi giorni. Lui ha scritto questo post a maggio 2016 affermando la sua convinzione che Craig Steven Wright sia Nakamoto.

  • Kevin Healey – Proveniente dalla comunità di Ethereum, Kevin Healey ha anche affermato di credere che Craig Wright sia Satoshi e che è stato recentemente rilasciato questo video di YouTube a reazioni miste.

  • Il caso giudiziario – Nel febbraio 2018 Ira Kleiman ha intentato una causa contro Craig Wright e per conto del fratello defunto Dave Kleiman. Ha accusato Wright di aver tradito suo fratello, che era il suo partner in W&K Info Defense Research, LLC.

    Entrambi gli uomini avrebbero usato questa società per ricercare e creare Bitcoin, oltre che per estrarre la valuta. Ciò ha portato a oltre 1.1 milioni di Bitcoin presumibilmente detenuti da Craig Wright. Quindi, Kleiman ha citato in giudizio Wright per la metà, che presumibilmente appartiene a suo fratello, Dave. Puoi Per saperne di più qui.

Il caso contro Craig Wright

Gli esperti della comunità delle criptovalute sono infastiditi dalle affermazioni di Craig Wright e persino dalle recenti azioni, portando molti a definirlo un imbroglione e spazzarlo sotto il tappeto.

C'è una buona ragione per questo, dato che si tratta di programmatori esperti con un'intelligenza superiore alla media. È necessario, quindi, considerare le loro opinioni e analizzare questo problema dal loro punto di vista.

Ecco i principali argomenti contro Craig Wright:

  • Crittografia basata sull'identità - Crittografia asimmetrica è un concetto sorprendente, anche quando la maggior parte degli utenti di Bitcoin non sa cosa sia. La crittografia asimmetrica è il processo di crittografia e decrittografia di un messaggio o documento con due diversi set di chiavi. E presenta numerosi vantaggi perché una chiave viene resa pubblica mentre l'altra chiave rimane privata.

    Se si crittografa o si firma un messaggio con la chiave pubblica, che tutti conoscono, solo la persona in possesso della chiave privata può decifrarlo. Almeno, in teoria. Allo stesso modo, se puoi decifrare un messaggio con la chiave pubblica, allora potrebbe essere stato crittografato solo dal possessore della chiave privata.

    Satoshi Nakamoto ha una chiave pubblica GnuPG nota e Craig Wright afferma di avere la chiave privata. Ma si è rifiutato di firmare un singolo messaggio con questa chiave privata, così la comunità Bitcoin può verificare che sia veramente Satoshi Nakamoto. Ciò ha sollevato molti sospetti perché va contro le regole di crittografia basata sull'identità, la base del successo di Bitcoin.

  • Il Genesis Block – Secondo quanto riferito, Craig Wright ha dimostrato ad alcune persone di possedere la chiave privata collegata al Block #1 di Bitcoin, che è stata utilizzata nella prima transazione in assoluto sul blockchain. Tuttavia, gli esperti del settore ci ricordano che il Block #1 non è il primo blocco della catena. Piuttosto, in linea con la filosofia del codice C, la catena inizia al Block #0, che è stato codificato manualmente dal vero Satoshi Nakamoto.

    Il Block #0 di Bitcoin è stato estratto nel gennaio 2009 e ha generato una ricompensa di base di 50 BTC per questo indirizzo. Sebbene i 50 BTC originali non possano mai essere spesi, l'indirizzo ha ricevuto oltre 18 BTC nel corso degli anni e sono spendibili.

    L'argomento è questo: supponendo che ci fossero molti collaboratori su Bitcoin, il vero e brillante Satoshi Nakamoto deve aver codificato questo Genesis Block e mantenuto ugualmente l'indirizzo di pagamento. Quindi, tutto ciò che Craig Wright deve fare è spostare alcuni di questi nuovi 18 BTC per mettersi alla prova. In alternativa potrebbe semplicemente firmare un messaggio con la chiave privata per quell'indirizzo.

  • Licenza MIT e minacce recenti – Satoshi Nakamoto ha rilasciato Bitcoin sotto la licenza MIT, che concede il permesso gratuito a qualsiasi utente di fare qualsiasi cosa gli piaccia con il software, a condizione che l'avviso di copyright sia incluso in tutte le sue copie.

    Così, quando hanno iniziato gli avvocati di Craig Wright siti Web minacciosi che ha ospitato il whitepaper Bitcoin per violazione del copyright nel gennaio 2021, molti credevano che stesse scherzando o semplicemente sballando. Così, le parti interessate si sono affrettate a sfidarlo ospitando anche il documento PDF.

  • Base58 – Chiese una volta Craig Wright questa stupida domanda che avrebbe dovuto conoscere la sua risposta se avesse codificato Bitcoin. Perché Satoshi ha inventato Base58 modificando Base64 per rimuovere lettere dall'aspetto simile come 0, O, I, l, + e /.

  • The Second Coming – Satoshi Nakamoto ha volontariamente rinunciato al controllo di Bitcoin, inclusa la codifica e la gestione della comunità. Allora, perché tornare adesso? Qual è il problema con la blockchain di BitcoinSV e cercare di convincere tutti a passare ad essa?

Craig Wright è Satoshi Nakamoto?

A questo punto dovresti renderti conto lentamente della validità delle argomentazioni di entrambi i campi. Craig Steven Wright deve essere sicuramente Satoshi Nakamoto, ma non è nemmeno lui. Era sicuramente il ragazzo che comunicava tramite e-mail, ma non sembra aver codificato Bitcoin.

Questo crea un grave caso di dissonanza cognitiva che sta facendo a pezzi il mondo delle criptovalute.

La soluzione è semplice. Non esiste un solo Satoshi Nakamoto. Piuttosto, ci sono molti Satoshi Nakamoto. Il progetto Bitcoin è nato come una collaborazione tra fanatici di computer e criptovalute. E Craig Wright era probabilmente uno di loro. Probabilmente è il ragazzo che ha gestito la maggior parte della comunicazione con lo pseudonimo.

Quindi, Craig Wright è Satoshi perché ne faceva parte. Ma non è l'unico Satoshi.

Allora, chi sono questi altri geek?

Altri potenziali Satoshi

Craig Wright ha detto che era "la parte principale". Allora, chi sono gli altri? Il primo in fila è Hal Finney, poi c'è Dave Kleiman. Entrambi gli uomini erano in sedia a rotelle. Kleiman è deceduto nel 2013, mentre Finney è deceduto nel 2014. Un anno dopo, e Craig entra alla ribalta.

  1. Hal Finney – Il termine criptovaluta è radicato nella crittografia e Hal Finney era un grande esperto di crittografia. Era il secondo dipendente della PGP Corporation, dopo Phil Zimmerman, l'autore originale di PGP (Pretty Good Privacy).

    Finney ha anche sviluppato il concetto di una prova di lavoro riutilizzabile, basata su hashcash. Questa era la tecnologia di token digitale più vicina prima di Bitcoin, anch'essa basata su Hashcash. La loro principale differenza era che Bitcoin utilizzava una rete distribuita P2P per evitare la doppia spesa.

    A parte questo, Hal Finney aveva anche un vicino di casa chiamato Dorian Satoshi Nakamoto. Puoi immaginare. Ed è stato il secondo individuo conosciuto ad utilizzare il software Bitcoin dopo Satoshi, nonché il destinatario della prima transazione Bitcoin in assoluto. Sempre da Satoshi Nakamoto.

  2. Dave Kleiman - Era un brillante esperto di informatica forense e un programmatore straordinario. Dave Kleiman è stato nominato soldato dell'anno dell'esercito americano all'età di 20 anni e ha lavorato per l'ufficio dello sceriffo della contea di Palm Beach dopo i suoi giorni nell'esercito.

    Purtroppo è stato coinvolto in un incidente in moto e da allora è rimasto confinato su una sedia a rotelle. Tuttavia, Kleiman è salito di grado e ha persino raggiunto il grado di detective. Successivamente è andato a lavorare per Securit-e-doc, dove ha sviluppato uno strumento di crittografia che ha trovato impiego presso la NASA, i Marshalls degli Stati Uniti e il Dipartimento del Tesoro.

    Dave Kleiman, tuttavia, è morto in circostanze misteriose. Senza soldi, un alto livello di alcol nel sangue, tracce di droga, un recente foro di proiettile nel suo materasso e una pistola a pieno carico sulla scena. Lui e Craig Wright presumibilmente erano anche coinvolti nello sviluppo di software per il gioco d'azzardo.

    Ira Kleiman, il fratello di Dave, testimoniato in tribunale che Dave gli aveva confidato durante la cena del Ringraziamento nel 2009, che stava lavorando su denaro digitale che sarebbe stato "più grande di Facebook" e ha inoltre disegnato il suo simbolo, che è l'attuale simbolo di Bitcoin. Gli stessi documenti del tribunale citano anche Wright in un'e-mail al padre di Kleiman, dicendo che "tuo figlio Dave ed io siamo due delle tre persone chiave dietro Bitcoin".

Conclusione

Arrivando alla fine di questo articolo, dovrebbe essere chiaro che la leggenda di Satoshi Nakamoto è al di là di ogni singolo uomo. Ma i fatti sono lì per te per decidere.

Quanto a me, se Craig Wright afferma di essere l'unico Satoshi Nakamoto, molto probabilmente sta mentendo. Se, d'altra parte, afferma di essere 'un Satoshi Nakamoto', allora probabilmente sta dicendo la verità, perché ci sono molti Satoshi Nakamoto.

Nnamdi Okeke

Nnamdi Okeke

Nnamdi Okeke è un appassionato di computer che ama leggere una vasta gamma di libri. Ha una preferenza per Linux su Windows/Mac e lo sta usando
Ubuntu sin dai suoi primi giorni. Puoi beccarlo su Twitter tramite bongotrax

Articoli: 278

Ricevi materiale tecnico

Tendenze tecnologiche, tendenze di avvio, recensioni, entrate online, strumenti web e marketing una o due volte al mese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *